.............
LE MOSTRE
per Ville e per Giardini

VILLA CORSINI A CASTELLO

La Villa e l’Antiquarium ritrovato
a cura di Giuseppina Carlotta Cianferoni, Fabrizio Paolucci e Antonella Romualdi

_CORSINI

In mostra alcuni importanti reperti etruschi, provenienti dal territorio della piana intorno a Firenze, e in particolare dalla Tomba etrusca della Mula, oltre a sculture di epoca romana. Completano il percorso museale la Sala del Ricetto delle Iscrizioni e la Sala dei Piccoli Marmi della Tribuna, provenienti dalle collezioni antiquarie della Galleria degli Uffizi.

DOVE  Via della Petraia 38, Firenze

ORARIO  da giovedì a domenica / ore 10.00 - 13.00 e ore 15.00 - 19.00

INGRESSO  Contingentato ogni 30 minuti dalle ore 10.00. Accessibilità parziale

> Leggi la scheda su Piccoli Grandi Musei

VILLA DELLA PETRAIA

Preziosi tesori in villa
a cura di Mirella Branca

_PETRAIA

Villa della Petraia ospita eccezionalmente l’Incoronazione della Vergine, opera realizzata nella bottega del Botticelli e parte del patrimonio ancora poco conosciuto dell’ex Conservatorio delle Montalve, custodito a Villa La Quiete e oggi di proprietà dell’Università degli Studi di Firenze. A testimonianza della preziosità della collezione de La Quiete sono esposti anche alcuni paliotti settecenteschi.

DOVE  Via della Petraia 40, Firenze

ORARIO 
giugno, luglio, agosto: tutti i giorni ore 8.15 - 19.30
settembre, ottobre (con ora solare 17.30): ore 8.15 - 18.30
novembre: ore 8.15 - 16.30

Chiusura: il secondo e terzo lunedì del mese.

L’ultima entrata è consentita un’ora prima dell’orario di chiusura.

Gli ambienti della Villa della Petraia sono accessibili con visite accompagnate alle ore 8.30, 9.15, 10.00, 10.45, 11.30, 12.15, 13.00,
13.30, 16.45, 17.40 e 18.40.

Accessibilità alla Petraia dal giardino della Chiesa di San Michele a Castello

> Leggi la scheda su Piccoli Grandi Musei

GIARDINO DELLA VILLA DI CASTELLO

Un percorso tra gli agrumi
a cura di Stefano Casciu e Paolo Galeotti

_CASTELLO

Si apre al visitatore un affascinante percorso, con l’ausilio di una nuova mappa didattica, tra le bizzarrie del giardino: le magnifiche piante di agrumi che già facevano parte della collezione medicea.

DOVE  Via di Castello 47, Firenze

ORARIO 
giugno, luglio, agosto: tutti i giorni ore 8.15 – 19.30
settembre, ottobre (con ora solare 17.30): ore 8.15 – 18.30
novembre: ore 8.15 – 16.30

Chiusura: il secondo e terzo lunedì del mese.

L’ultima entrata è consentita un’ora prima dell’orario di chiusura.

> Leggi la scheda su Piccoli Grandi Musei

TOMBA ETRUSCA LA MONTAGNOLA

La riscoperta degli Etruschi
a cura di Giuseppina Carlotta Cianferoni e Gabriella Poggesi

_MONTAGNOLA

Tra le maggiori e meglio conservate thòlos dell’Etruria settentrionale, la tomba, risalente al VII sec. a.C., apre per la prima volta il suo suggestivo percorso di visita al pubblico. Una struttura architettonica che ricorda le grandiose tombe micenee apre la sua sala funeraria circolare dal diametro di cinque metri.

DOVE  Viale Fratelli Rosselli 95, Sesto Fiorentino

ORARIO  da giovedì a domenica, ore 10.00-13.00 e ore 15.00-19.00

L’accesso alla tomba è consentito a gruppi di massimo 10 persone

>
Leggi la scheda su Piccoli Grandi Musei

MUSEO RICHARD GINORI DELLA MANIFATTURA DI DOCCIA

Omaggio a Venere. Il culto della bellezza ideale nei modelli della Manifattura di Doccia
a cura di Rita Balleri e Oliva Rucellai

_DOCCIA

Il mito della Venere e la sua fortuna, nell’ambito della porcellana, sono il tema dell’esposizione al Museo Richard Ginori. Si rende omaggio all’opera forse più nota e importante dell’intera collezione del museo di Doccia, ovvero la grande Venere de’ Medici in porcellana bianca databile intorno al 1745, copia del celebre originale conservato agli Uffizi.

DOVE  Viale Pratese 31, Sesto Fiorentino

ORARIO  mercoledì ore 10.00-13.00; 14.00-18.00; da giovedì a domenica, ore 10.00-13.00 e ore 15.00-19.00

>
Leggi la scheda su Piccoli Grandi Musei

PALAZZO MEDICI RICCARDI

Il palazzo di Lorenzo il Magnifico è il fulcro simbolico dell’evento che, come nella Cappella dei Magi, apre al territorio circostante la città, alla campagna delle ville extraurbane e rimanda alla grande passione medicea per il collezionismo di antichità, che proprio nel palazzo aveva un’importante rappresentanza.